fbpx

Beyond Meat è ancora un pasto delizioso per gli orsi? 

Beyond Meat è ancora un pasto delizioso per gli orsi? 

Beyond Meat, Inc. (NASDAQ: BYND) è un’azienda leader nel settore della carne vegetale. Noi di altogain.it ci abbiamo puntato molto all’inizio della pandemia e per tutto l’anno 2020 e ora è continuamente sotto i nostri radar.

Proviamo a fare il punto della situazione analizzando gli ultimi eventi per capire insieme se ci sono i presupposti per rientrare.

Il rilascio degli utili per il Q4 2021 non è stato esaltante, direi deludente, per i suoi investitori: i ricavi netti sono diminuiti dell’1,2% a 100,7 milioni di dollari, rispetto ai 101,9 milioni di dollari del quarto trimestre 2020. L’aumento dei ricavi netti dei servizi di ristorazione negli Stati Uniti e dei canali internazionali è stato più che compensato dalla riduzione dei ricavi netti del canale al dettaglio negli Stati Uniti, che sono diminuiti del 19,5% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. La diminuzione dei ricavi netti del canale di vendita al dettaglio negli Stati Uniti riflette principalmente una domanda più debole e questo si può spiegare facilmente: durante il 2020 molti allevamenti negli Stati Uniti sono rimasti chiusi a causa della pandemia e le alternative alla carne hanno venduto molto perché gli americani non hanno rinunciato al loro amato grill. Nel 2021 la disponibilità della carne è tornata a livelli normali e sistematicamente la richiesta della carne vegetale è diminuita nonostante una proposta di Beyond Meat maggiore.  

Ethan Brown, CEO di Beyond Meat, per sbollentare gli animi degli investitori dopo l’uscita della trimestrale che ha chiuso il 2021, ha dichiarato : “Gli investimenti della società hanno pesato pesantemente sui costi operativi e sul margine lordo durante il quarto trimestre e durante tutto l’anno il quale è stato già influenzato da volumi inferiori alle attese. Tuttavia, riteniamo che questi investimenti saranno fondamentali per guidare la nostra crescita a lungo termine. (..) All’inizio del 2022, siamo soddisfatti dei progressi che stiamo facendo rispetto alla nostra strategia a lungo termine, come il numero di test e i posizionamenti dei menu principali recentemente annunciati dai nostri partner globali. Anche se continueremo a investire durante il 2022, prevediamo di moderare sostanzialmente la crescita delle nostre spese operative mentre sfruttiamo gli elementi costitutivi che ora abbiamo in atto per servire i nostri clienti, consumatori e mercati, portando avanti il ​​nostro futuro entusiasmante ed espansivo una deliziosa porzione alla volta”.

L’annuncio degli utili si sono conclusi con le prospettive per il 2022 da parte del management della società: ricavi netti compresi tra $560 milioni e $620 milioni, con un aumento dal 21% al 33% rispetto al 2021. Piani molto ambiziosi che infatti sono stati seguiti da un “se”: la Società riconosce che i suoi risultati operativi per il 2022 potrebbero differire sostanzialmente dalle aspettative riportate se le sue ipotesi relative al COVID-19 e gli effetti associati non si concretizzeranno.  L’ambiente operativo dell’azienda continua a essere influenzato dall’incertezza a breve termine relativa al COVID-19 e dal suo potenziale impatto inclusi i livelli di domanda, la disponibilità di manodopera e le interruzioni della catena di approvvigionamento. Quindi tutto dipenderà dall’evoluzione della pandemia. 

Settimana scorsa e più precisamente nella giornata del 23 Marzo, Beyond Meat, Inc. e Pepsi Co hanno annunciato il debutto di Beyond Meat Jerky. Si tratta di un delizioso e conveniente snack essiccato a base vegetale (sapore di manzo essiccato in tre gusti: Original, Hot & Spicy e Teriyaki) che sancisce il primo prodotto della joint-venture delle due società chiamata Planet Partnership. Il nuovo prodotto verrà lanciato nei negozi a livello nazionale a partire da fine marzo e promuove la passione condivisa di Beyond Meat e Pepsi per la creazione di prodotti migliori sia per le persone che per il pianeta.

“Siamo entusiasti di presentare il primo prodotto di Planet Partnership, la nostra joint venture con Beyond Meat e Pepsi Co”, ha affermato Dan Moisan, CEO di Planet Partnership. Il lancio a livello nazionale di Beyond Meat Jerky renderà la carne a base vegetale accessibile a milioni di famiglie. Ha un ottimo sapore, è una buona fonte di proteine ​​ed è comoda da mangiare in viaggio, in ufficio o fuori casa”.

Ricordiamo che Planet Partnership è una joint venture nata nel 2021 tra Beyond Meat, Inc. e PepsiCo, Inc. per sviluppare, produrre e commercializzare snack e bevande innovativi a base di proteine ​​vegetali. La joint venture sfrutta la tecnologia leader di Beyond Meat nello sviluppo di proteine ​​vegetali e le capacità commerciali di livello mondiale di Pepsi per creare e ampliare nuove opzioni di snack e bevande. 

Quest’ultima novità di mercato riuscirà a portare profitti positivi già nella seconda metà del 2022? E’ molto probabile vista l’importanza mediatica e il potere di marketing di Pepsi.

Ora se prendiamo in esame l’andamento in borsa del titolo BYND, vediamo subito il suo trend negativo con una discesa senza sosta da Luglio 2021. Il titolo sembra aver toccato il fondo il 14 Marzo 2022 quando ha sfiorato una quotazione di 35 dollari . Beyond Meat è uno dei titoli più short del mercato da fine anno 2021 ad ora ma le cose stanno per cambiare e l’oscillatore stocastico mensile ci suggerisce una conclusione del suo mercato ribassista e sembra aprirsi una ghiotta opportunità per i nuovi investitori. La zona 35-45$ è sicuramente ottima anche per chi vuole mediare e abbassare il suo PMC. 

L’investitore con un idea sul titolo long non si deve preoccupare di queste oscillazioni se pur molto pesanti poiché i prodotti Beyond Meat sono fondamentali per la longevità del pianeta data la quantità di risorse che l’allevamento di animali richiede e che sembra, sempre di più, non sostenibile. 

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati