fbpx

Il Diario del Trading di Luca Padovan – settimana 24-28 maggio

Il Diario del Trading di Luca Padovan – settimana 24-28 maggio

È inutile girarci intorno… l’unico vero movimento che ha influenzato la mia attività questa settimana è il crollo del Bitcoin e di tutte le Crypto valute.

Rispetto a questo tremendo movimento tutto il resto non è nemmeno paragonabile anche se è stata una settimana molto interessante, sono diversi aspetti, ma voglio focalizzare la stesura di questo pezzo sulla grande volatilitàche ha segnato le Crypto negli ultimi giorni e su come ho affrontato personalmente questa situazione estrema.

Prima di tutto ci tengo a ribadire che la mia visione su Bitcoin di lungo periodo è 100% rialzista, ma sono anche convinto che il Bitcoin raggiungerà quotazioni elevate solo grazie a settimane come questa che tolgono i prezzi dell’empasse che aveva caratterizzato le ultime settimane per partire alla volta di un nuovo obiettivo, di un nuovo record.

Partendo da questa idea lo reputo un ottimo asset di investimento ma anche un ottimo sottostante per il trading, se fatto con il giusto controllo del rischio in quanto giornate come queste spazzano via ogni trader che abusa della leva finanziaria e non riesce a indovinare la direzione corretta del movimento. 

Entrando nel vivo racconto le sensazioni e le idee operative che ho avuto e che ho messo in atto durante queste giornate.

Per prima cosa già dalla scorsa domenica avevo notato una debolezza prevalente per il Bitcoin, era nettamente meno tonico del solito e non riusciva a recuperare in poche ore il terreno perduto. La settimana è iniziata con il Bitcoin sotto i 45k, un segnale preoccupante per la mia operatività, ho subito cambiato in corsa la mia strategia; al posto di acquistare a 48k ho comprato a 45k appena possibile ma con metà della size predeterminata e mi sono tenuto il restante 50% per un acquisto in zona 40-41k se ci fosse arrivato, avevo intuito che sarebbe stata una settimana giocata in difesa e volta a limitare i danni piuttosto che pensare a grandi profitti. 

Mercoledì mattina viene eseguito il long appena sopra 40k e in poche ore il prezzo crolla fino a toccare i 30k per pochi minuti. Non avendo usato leva finanziaria sono riuscito a sopportare e superare il forte draw down derivato da questo flash crash. Mentre il prezzo scendeva sotto i 35k stavo seguendo un meeting in ufficio, per fortuna avevo già deciso a priori cosa fare in caso di crollo repentino, 4 ordini di acquisto tra 30,5 e 33,5k e per fortunata nonostante i problemi sui prezzi delle quotazioni nei principali broker durante quei minuti 3 dei 4 ordini sono entrati; size identica ai due acquisti a 40 e 45. Onestamente non ero sicuro che 30k fosse il pavimento e mi ero tenuto ancora qualche cartuccia in caso di crollo più profondo.

Passato il momento critico i prezzi hanno iniziato a recuperare e mi sono dato 40k come target per chiudere tutte le posizioni ma non sono riuscito a rispettare il take profit e a 37,6 circa ho chiuso i 3 long, rimettendo gli ordini pendenti agli stessi prezzi. Il giorno dopo ho chiuso a 42 le altre due, poco sotto la pari. 

Nel complesso è stato un trade abbastanza profittevole, con punte di volatilità che sono stato in grado di gestire solo ed esclusivamente perché non ho utilizzato la leva finanziaria per questo asset.

Per fortuna che ho deciso di azzerare la posizione perché venerdì nel tardo pomeriggio i prezzi hanno di nuovo iniziato a perdere terreno e in zona 38 e 36 ho optato per due long che ho ancora aperto.

Speriamo bene per la settimana entrante.

Inoltre, in un’ottica di lungo periodo ho acquistato in maniera costante per tutta la settimana, size da investimento e non da trading, ovviamente con orizzonte temporale di lungo, lunghissimo periodo.

Ma quali sono state le motivazioni di questo crollo, ricordo per chi non l’avesse vissuto sulla sua pelle che il bitcoin è arrivato a perdere il 30% nelle 24 ore, fino al 50% dai massimi storici; le altre Crypto hanno fatto anche peggio. Questo è nettamente lo storno più forte in valore assoluto nella storia delle Crypto e il più importante in termini percentuali di questa bull run, ma credo che il Bitcoin non abbia ancora finito la benzina durante questa fase rialzista.

Tornando alle motivazioni giornalisti, media e un po’ tutto il settore ha dato diverse motivazioni tra cui:

  • Tweet Elon Musk
  • Impatto ambientale 
  • Limitazioni nella circolazione in Cina
  • Rotazione da Bitcoin verso altri progetti
  • Tensione nei mercati azionari, specialmente Nasdaq, dovuti al tema “inflazione”

Io credo che tutte le motivazioni appena citate abbiano dato inizio alle vendite, ma in aggiunta a questo vanno considerate le ultime grosse vendite in area 55-60 di alcuni grossi istituzionali (chiamati “balene”) e i margin call degli investitori retail che con un crollo del 30% in 24 ore ha probabilmente azzerato le posizioni della maggior parte dei trader rialzisti esposti a leva verso Bitcoin.

Almeno spero che questa triste esperienza sia servita da lezione per il futuro, e non voglio fare il moralista visto che anche io opero a leva su molte asset class, ma solo dopo un’analisi fatta a priori dei vari scenari e tenuto conto della volatilità implicita.

Per quanto riguarda le operazioni annunciate la settimana scorsa riassumo come sono andate:

  • Bitcoin: ne ho parlato ampiamente 
  • Short EurUsd: leggere guadagno, segnale entrato a 1,22 e chiuso a venerdì sera a 1,218
  • Long Nasdaq in apertura: 1 sconfitta (lunedì), 3 Vittorie (martedì-mercoledì-giovedì), nulla di fatto venerdì 

Nel complesso ottima settimana dal punto di vista del profitto ed anche dal punto di vista didattico; fa bene ogni tanto vedere questi movimenti e ricordare a noi stessi che onde possiamo trovare quando decidiamo di navigare i mercati.

Per la settimana del 24 Maggio ho deciso quanto segue:

  • Short EurUsd: entrata 1,22300 con stop a 1,22800 e target bello ambizioso 1,21000
  • Short Dax: sia scalping in apertura che weekly. Confido in uno storno del Dax fino a a zona 15100
  • Long Bitcoin: ho già due long in essere a 36 e 38 e altri buy limit tra 30,5 e 33,5; target 44k per il breve

Buon trading.

Condividi su

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati