fbpx

Ishares Global Clean Energy: considerazioni e novità interessanti

Ishares Global Clean Energy: considerazioni e novità interessanti

C’è un Etf sul mercato italiano che esiste sin dal 2007, ma la cui popolarità è di fatto esplosa negli ultimi mesi. Si tratta di Ishares Global Clean Energy, un prodotto che se si va a guardare qualche statistica, figura praticamente da mesi come l’ Etf più scambiato sul mercato italiano.

Ma perchè tutta questa popolarità all’ improvviso? Basterà guardare il grafico sottostante per darsi la risposta.

In breve Clean Energy è un Etf azionario settoriale e tematico allo stesso tempo, che si focalizza sui principali titoli dell’energia pulita a livello globale. Esso adotta una replica fisica e distribuisce un dividendo semestrale. Il Ter è dello 0,65% annuo.
Si tratta di un Etf che a marzo 2020 in pieno crollo si comprava a 4,63 € (valore minimo raggiunto) e circa dieci mesi dopo aveva raggiunto valori massimi di 15,77 €, con un rialzo quasi verticale tra dicembre ed inizio gennaio; di fatto lo strumento ha avuto un’ escursione complessiva tra valori minimi e massimi di un 241% circa. Vale a dire che 10.000 € sarebbero divenuti quasi 30.000 (già comprensivi delle tasse pagate).

Essendo legato al business dell’ energia pulita ha delle prospettive indubbiamente interessanti e ci sono tutte le carte in regola affinché tale strumento continui a far bene, dal momento in cui:

a) si tratta di un megatrend che sta già attirando un sacco di capitali, con governi ed istituzioni che incentivano e promuovono sempre più politiche “green”. Basta guardare la crescita delle emissioni di obbligazioni e di fondi green per rendersi conto che si tratta di un qualcosa verso cui difficilmente si può sfuggire in futuro.

b) In aggiunta alle considerazioni precedenti c’è da evidenziare tutto l’aspetto relativo al sempre maggiore interesse verso il concetto di sostenibilità, che anche qua si ricollega ad un vero boom di prodotti etici, sostenibili, ESG, SRI ecc.

La corrente favorevole è data quindi dalla tendenza strutturale e dal fattore etico. Di conseguenza gli ingredienti per fare bene nel lungo termine sicuramente non mancano, ma ragionando più sul breve termine e alla luce del contesto attuale, su questo Etf vanno fatte alcune considerazioni.

In primo luogo si tratta di uno strumento che ha spinto tanto negli ultimi mesi, ma che ha iniziato a dare segnali di cedimento (cosa del tutto normale). Dal massimo di inizio anno ha infatti avuto un ribasso del 34% circa.

L’ Etf in questione è molto concentrato: infatti investe in 30 titoli, dei quali solo i primi 10 pesano per più del 50% del totale, con la posizione più importante (Plug Power) che da sola vale il 10% circa del portafoglio.

I titoli sottostanti oltre ad essere pochi sono anche molto volatili, cosa che porta questo Etf ad essere molto più nervoso in intraday persino di tante singole azioni. Si tratta infatti di un prodotto che per la liquidità e la volatilità che ha si presta benissimo al trading oltre che all’ investing (anche se va detto che l’ inefficienza fiscale dello strumento lo rende meno appetibile ad un impiego del genere).

C’è un’ottima diversificazione valutaria, mentre l’ esposizione settoriale è sbilanciata sulle utilities, al 2° posto abbiamo la tecnologia, settori che hanno sofferto di recente, ciò ha pesato molto nell’ attuale fase di rotazione settoriale verso titoli value e ciclici, e potrebbe rappresentare una bomba ad orologeria in un contesto prolungato di aspettative rialziste sui tassi d’ interesse.

Per le ragioni viste sopra, questo Etf è da maneggiare con cura; si presta benissimo ad un piano d’ accumulo o a strategie dinamiche (trendfollowing e rotazionali), mentre non lo ritengo particolarmente adatto a strategie statiche o alla parte core di portafoglio.

Delineate le caratteristiche principali, vorrei ora soffermarmi su quanto è apparso di recente in un articolo del Financial Times che fa delle interessanti considerazioni su questo Etf, per quanto concerne l’ attività di ribilanciamento necessaria da qui a breve, e su come essa probabilmente impatterà sui titoli sottostanti:

Qui il link per leggere l’articolo completo: link.

Il succo della questione è il seguente: visto che lo strumento in questione ha raggiunto grosse masse, ripartite su pochi titoli e non sempre liquidissimi, arriverà il momento in cui dovrà ribilanciare, ossia vendere dei titoli e comprare degli altri; dovendolo fare per miliardi rischia di provocare distorsioni mica da ridere sui titoli interessati. Di conseguenza pare che gli hedge fund (che non stanno certo a guardare), stanno già cercando le società che entreranno nel paniere o che dovranno essere oggetto d’ acquisto nell’ ambito del ribilanciamento, in modo da anticipare la corrente a favore.

Nello specifico l’ attività di ribilanciamento del fondo avviene semestralmente, e la prossima avverrà ad aprile.

Stando al report di qualche banca d’affari, per rispettare l’ attività di ribilanciamento, si stimano potenziali vendite su 2 societa neozelandesi per un importo pari a quello mediamente scambiato in 40-50 giorni da questi titoli.

Le 2 società interessate sarebbero Meridian Energy e Contact Energy.

Potenziali vendite sono state auspicate anche su azioni quali Verbund, Atlantica Sustainable Infrastructure, Innergex Renewable Energy, Boralex, nonché per le ADR della brasiliana Compahnia Energetica de Minas Gerais.

Grossi flussi in acquisto interesserebbero invece titoli come Vestas Wind, Orsted, Nextera Energy e altre società cinesi come China Longyuan Power, Xingjiang Goldwind e GCL-Poly Energy.

Ciò apre opportunità di front-running su determinati titoli, con gli Hedge Funds probabilmente già a caccia delle loro prede, motivo per cui i titoli oggetto d’ acquisto o di incremento stanno già iniziando a scontare nei prezzi gli effetti del prossimo ribilanciamento.

Le regole dell’ indice avevano infatti portato ad una concentrazione elevata su titoli non sempre liquidissimi, e al sovrappeso di società più piccole rispetto ad altre a maggiore capitalizzazione.

In conseguenza di ciò sono state proposte delle modifiche all’indice, per renderlo in futuro più diversificato, più liquido e per ammortizzare la volatilità. Insomma lo scopo è di rendere l’indice maggiormente replicabile.

E’ lecito aspettarsi un maggior numero di partecipazioni azionarie in futuro, inoltre è allo studio la possibilità di diversificare in altri sottosettori quali energia marina, combustibili alternativi, stoccaggio di energia, efficienza energetica e reti intelligenti.

Un investitore evoluto ed aggressivo potrebbe tentare di sfruttare le potenziali distorsioni causate dal prossimo ribilanciamento a proprio favore, prendendo posizione su titoli come quelli visti sopra, o addirittura comprando opzioni sugli stessi , per cogliere la possibile esplosività di movimento dei sottostanti.

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati