fbpx

Tesla & Bitcoin: Volatility Wedding

Tesla & Bitcoin: Volatility Wedding

La vicenda di Tesla merita attenzione, sul web compaiono opinioni confuse, miste a teorie del complotto anche ai limiti del ridicolo.

Ciò che è cronaca lo bypasso, quindi, alcuni punti su cosa “non” è stato chiarito (ancora) e qualche mio cents in più:

1) Trattare a bilancio “l’investimento” in Bitcoin come “indefinite-life intangibles”, non è un invenzione complottistica di Musk & co. ma segue le direttive FASB (US GAAP) le quali hanno chiaramente sancito che:

  • le criptovalute NON sono moneta considerata “mezzo di scambio” (quindi non è cash o short-term investment)
  • non sono uno strumento finanziario perchè non c’è un contratto a definire i diritti sottostanti
  • non hanno la materialità quindi non sono “inventories”

ergo, per esclusione restano intangible assets a vita indefinita e quindi soggette ad impariment test periodico.

Per la cronaca, Square, Inc. ha inserito Bitcoin nelle sue scritture dal 2018 con la stessa prassi (anche se il business model è diverso quindi ci sono sia revenues che cost-of-revenues associate).

2) L’impairment, può produrre una perdita in caso di crollo del Bitcoin e c’è un “cap” alla rivalutazione in caso di “risalita” successiva del Bitcoin, quindi, in teoria c’è una tendenza alla sottostima dal punto di vista della valutazione a bilancio.

Le domande sul perchè di questa scelta d’investimento si sprecano, ma una cosa la sappiamo di sicuro: Il Bitcoin è volatile. Quindi? Ecco, vorrei/dovrei scendere nel tecnico.

Tesla ha una particolarità che si “sposa” bene con la volatilità, e questa è la leva finanziaria. Tesla ha poca leva finanziaria: per citare un numero, il Debito / Assets è attorno al 25% e la teoria (ma anche la pratica) ci dice che una società con alta leva finanziaria ha una volatilità più alta dei sui rendimenti dell’equity e anche una più alta probabilità di default (vedi Merton).

Inoltre, la volatilità dell’equity è correlata alla volatilità degli Assets. Siamo vicini al punto: qual è un asset che aumenta il suo valore quando aumenta la volatilità? Ve lo dico io: l’Opzione (aka vega-positive asset). Allora se l’Equity di una società si potesse trattare come un Opzione, perchè non aumentarne la sua volatilità in qualche modo per aumentarne il valore?

E scomodando ancora Merton, questo è proprio quello che succede: evito di entrare troppo nel dettaglio ma in soldoni l’Equity si può modellare come un Opzione Call con sottostante gli Assets della società, e sappiamo (Black-Scholes) che se la volatilità del sottostante aumenta, aumenta il prezzo dell’opzione. Finito il pistolotto teorico.

Sintesi: Tesla, vista la bassa leva finanziaria, potrebbe aver cercato un modo alternativo per aumentare la volatilità degli assets per aumentare il valore delle sue azioni. Inserire un 8% di uno degli asset più volatili che ci sono in giro è sicuramente un modo per ottenere questo aumento di volatilità.

Peraltro sappiamo che la volatilità ha la caratteristica del clustering e della persistenza, cioè a periodi di volatilità segue volatilità. Solo il tempo ci dirà se questa scelta è stata corretta, ma se il Bitcoin dovesse mantenere le sue caratteristiche, beh, saprei anche come comportarmi qualora dovessi decidere cosa fare delle azioni (e delle opzioni) di Tesla.

Chi ha orecchie per intendere…

Reference:- Hull, J.C., Nelken, I., and White, A. (2004), Merton’s Model, Credit Risk and Volatility Skews, Journal of Credit Risk, 1, 3-28- Black, Fischer & Scholes, Myron S, 1973. “The Pricing of Options and Corporate Liabilities,” Journal of Political Economy, University of Chicago Press, vol. 81(3), pages 637-654, May-June.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "Bitcoin Soars The cryptocurrency surged to a record high on Tesla's investment Bitcoin/US DOLL AR Last Trade/L ast Price Close on 01/19 36490 44000 42000 40000 38000 36000 20 2012122232425 23 24 25 26 22 Jan 2021 34000 Source: Bloomberg 27 28 32000 30 30000 310102030405060708 01 02 03 04 05 06 08 Feb 2021"
Fonte immagine: Bloomberg

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati