fbpx

TripAdvisor: conviene acquistare le sue azioni?

TripAdvisor: conviene acquistare le sue azioni?

Potresti aver deciso di viaggiare in giro per il mondo o, semplicemente, nel tuo paese di origine. Tuttavia, non hai idea di dove andare a dormire, mangiare e divertirti. Probabilmente, anche tu come noi, almeno una volta nella vita, ti sarai fatto un giro su Tripadvisor per cercare le informazioni sul miglior ristorante della zona.

È proprio di Tripadvisor che vogliamo parlare, del suo modello di business e della sua attuale situazione nel mercato azionario. Per scoprire tutte le informazioni su questa azienda, continua a leggere la nostra guida.


La value proposition di Tripadvisor


Tripadvisor è probabilmente uno dei siti di recensioni di viaggi più famoso al mondo che attira circa 490 milioni di visitatori ogni mese. Attualmente, è presente in 48 mercati, è tradotto in 28 lingue e ha 730 milioni di recensioni pubblicate. Il sito include anche altre funzioni interessanti come la possibilità di effettuare confronti di prezzi e prenotazioni di hotel e ristoranti. In ogni caso, il sito di recensioni rappresenta il core business dell’azienda che possiede anche altre piattaforme come seatguru.com, thefork.com, flipkey e tante altre.


Le possibilità di fare profitto di Tripadvisor sono importanti. Infatti, bisogna considerare che a livello globale le persone spendono 1,7 trilioni di dollari ogni anno per organizzare viaggi ed esperienze, molte delle quali autogestite. Persone in tutto il mondo decidono destinazioni e hotel senza alcuna informazione diversa da quella fornita dal sito Web e dalle recensioni online.
La piattaforma Tripadvisor offre a tutte queste persone quante più informazioni possibili per realizzare il miglior viaggio che loro possano organizzare.


Come fa profitto Tripadvisor?


Fondamentalmente, l’attività della piattaforma è divisa in due parti: operazioni alberghiere e non alberghiere (noleggi, esperienze e ristoranti). La maggior parte delle entrate dell’azienda proviene dal primo “ramo” con circa il 72% delle entrate. Una cifra significativa che, però, segna continui cali nel corso degli anni partendo prima dall’80% del fatturato, per poi scendere al 77%. La maggior parte delle entrate degli hotel di TripAdvisor proviene dalla pubblicità basata sui clic, mentre la pubblicità basata sugli abbonamenti arriva al secondo posto. Anche le operazioni non alberghiere generano profitti in maniera molto simile, in quanto ricevono una commissione per le attività pubblicitarie del sito.


Nel lungo periodo, l’obiettivo di Tripadvisor è continuare a mantenere questo approccio. L’azienda può sfruttare le innumerevoli recensioni per attirare gli utenti che, a loro volta, creano e pubblicano contenuti. Nel tempo, il numero crescente di recensioni attirerà più visitatori sui siti di TripAdvisor e aiuterà l’azienda a guadagnare di più. Affinché questa strategia continui a portare i suoi frutti, Tripadvisor dovrà garantire una piattaforma solida e assicurarsi che l’esperienza utente continui ad essere piacevole. Ciò potrà essere ottenuto attraverso l’utilizzo della tecnologia e l’implementazione delle funzionalità desiderate da parte dei clienti.


L’azione Tripadvisor: la situazione attuale


In questo contesto, il valore delle azioni di Tripadvisor è tra 15 € e 22 €. Gli analisti prevedono che il prezzo delle azioni raggiungerà i 25 € durante il prossimo anno. Ciò detto, bisogna sottolineare che il prezzo delle azioni di Tripadvisor ha subito un duro colpo dopo aver riportato una pesante diminuzione dei visitatori mensili negli scorsi anni. Nei mesi più duri della pandemia, le entrate sono diminuite sensibilmente arrivando a soli 376 milioni di dollari. Investire in Tripadvisor è sicuramente un rischio. Si tratta di un business basato sulla stagionalità e il rischio più grande è che le persone smettano di utilizzare il sito e che gli utenti interrompano la pubblicazione di contenuti.


L’azienda potrebbe aggirare questo problema, ma deve trovare il modo di capitalizzare il numero di visitatori che riceve senza intaccare la qualità dell’esperienza del cliente. Inoltre, Tripadvisor si affida molto ai motori di ricerca per attirare traffico sul proprio portale. Tuttavia, se l’algoritmo di Google dovesse cambiare troppo, l’azienda potrebbe scivolare troppo in basso nei risultati di ricerca e avere sempre meno traffico da monetizzare.


La concorrenza è un’altra questione rilevante. Infatti, qualora dovesse emergere un nuovo sito che offre servizi e funzionalità che Tripadvisor non può garantire, l’azienda potrebbe perdere opportunità di profitto. Oggigiorno, nascono nuove piattaforme continuamente. Alcune delle quali sono supportate da grandi nomi come Apple (in particolare iTravel e Wallet) o Google Trips. La piattaforma giusta non solo potrebbe diminuire il traffico verso la piattaforma ma anche causare un’emorragia di partner commerciali.

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati