fbpx

YouFinance 2021: grandi formatori per grandi risultati

YouFinance 2021: grandi formatori per grandi risultati

A quattro settimane dal gran finale di Bologna della terza edizione di YouFinance, i temi caldi sul mercato continuano a essere numerosi. In un momento storico in cui il forte intervento delle più
importanti Banche centrali su scala internazionale ha permesso a molti indici di Borsa di aggiornare i massimi storici o di periodo a più riprese in questi primi dell’anno, sullo sfondo
permangono alcune incertezze sul futuro. Se infatti il vaccino e i piani nazionali sembrano aver messo alle spalle la fase più acuta della pandemia, i rallentamenti nelle consegne dei preparati da
parte delle case farmaceutiche e l’incognita dettata da alcune varianti del virus potrebbero incidere sul ritmo della ripresa.
I mercati sembrano aver scontato gli scenari migliori e alcuni imprevisti potrebbero far scattare qualche presa di beneficio. All’interno di questo quadro, l’attenzione degli investitori internazionali
è sempre più rivolta a quello che potrebbe essere il grande tema da affrontare nel prossimo futuro: l’inflazione e l’incremento dei tassi richiesti per finanziare il debito sovrano. Se in Europa
questo scenario appare ancora lontano dal concretizzarsi, alcuni dati macroeconomici e alcune fasi di nervosismo registrate sul mercato secondario statunitense pongono il dibattito al centro degli
interessi di Wall Street.
L’edizione 2021 rappresenta anche per questi motivi un evento da non perdere per tutti gli investitori che vogliono approcciarsi ai mercati in modo consapevole e con alle spalle un percorso
formativo d’eccellenza. E in quest’ottica l’evento organizzato da Traderlink in collaborazione con QN – Il Resto del Carlino può fregiarsi della presenza di alcuni tra i più illustri economisti e
operatori di mercato italiani e stranieri. Lo scorso 31 marzo Luca Mezzomo, Head of Macroeconomic Analysis di Intesa Sanpaolo, ha gettato le basi con un webinar dedicato proprio a
pandemia e inflazione e a come le due variabili possono influire sui mercati finanziari.
Per poter tradurre in concreto i macro trend del prossimo futuro, riuscendo a captare i segnali del mercato con un giusto tempismo, YouFinance 2021 ha messo a disposizione a tutti i risparmiatori
e trader italiani una possibilità davvero unica di ascoltare il pensiero, le tecniche e le strategie di tre veri top player della finanza internazionale: John Bollinger, Daniel Gramza e Rob Hoffman.
Venerdì 23 aprile l’ideatore delle omonime bande ha regalato agli appassionati italiani un webinar in cui ha spiegato come trovare le migliori opportunità di trading utilizzando proprio le Bande di
Bollinger. Venerdì 30 aprile sarà la volta di Daniel Gramza. Trader e docente presso il Chicago Mercantile Exchange, Gramza nel suo intervento andrà ad abbinare un mix di tecniche di trading
messe a punto nel corso della sua lunga carriera e soprattutto andrà a tracciare quelle che a suo avviso sono le opportunità presenti sui mercati per questo 2021.
Gli appuntamenti con la grande finanza internazionale culmineranno con la sessione di Rob Hoffman. Pluricampione in numerose sfide di trading con denaro reale in tutto il Mondo, il trader
dedicherà il suo intervento proprio al mercato statunitense. Oltre a fornire alcuni set up con cui approccia i mercati e a spiegare le strategie di maggior successo che usa quotidianamente nella
sua operatività, Hoffman andrà proprio a scovare alcune idee di trading presenti sui listini di Wall Street.
Con il trader statunitense gli appassionati italiani di finanza potranno così chiudere il cerchio del percorso aperto nei primi webinar e guardare alla Borsa americana con un approccio più
consapevole. Quella consapevolezza che da sempre rappresenta la mission principale di YouFinance.
Durante la tre giorni conclusiva, inoltre, ci sarà spazio per approfondimenti sui grandi temi di politica economica. Il 26 maggio Gregorio De Felice, Chief economist e Head of Research di Intesa
Sanpaolo illustrerà le misure contenute nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR e i riflessi per l’economia italiana. Al centro dell’analisi i progetti legati alla transizione digitale e
ambientale, le riforme nel campo della pubblica amministrazione e della giustizia civile e gli impatti che tali provvedimenti potranno avere per una significativa accelerazione della crescita del
nostro Paese.

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati