fbpx

Cosa è successo nell’ultima settimana? Principali notizie finanziarie e recap delle trimestrali USA

Cosa è successo nell’ultima settimana? Principali notizie finanziarie e recap delle trimestrali USA

Cosa è successo nella settimana finanziaria?

  • Inflazione Eurozona al 9,9% a settembre, leggermente sotto le attese del 10%;
  • Dimissioni di Liz Truss dal ruolo di Primo Ministro inglese;
  • Diversi commenti degli esponenti della Fed hanno fornito maggiori conferme sul prossimo rialzo dei tassi, che potrebbe dunque essere di altri 75 punti base;
  • Lo yen raggiunge i minimi a 32 anni contro il dollaro USA prima di una correzione sotto i 150 (livello che potrebbe aver innescato un intervento delle autorità monetarie del Giappone);
  • Crollo del prezzo del gas TTF sul progresso delle discussioni in merito al price cap da parte dell’Europa.

Le trimestrali della settimana

Con la settimana appena trascorsa, è ufficialmente iniziata la stagione delle trimestrali USA. Delle 99 società dell’S&P 500 che hanno pubblicato i risultati, il 51,51% ha registrato ricavi superiori alle attese, mentre il 71,71% ha registrato utili superiori alle attese.

Per quanto riguarda l’Europa, delle 69 aziende dello STOXX 600 ad aver pubblicato i risultati del 3° trimestre 2022, il 65,2% ha superato le attese sui ricavi, mentre il 28,98% lo ha fatto sul fronte dei profitti. Ogni giorno abbiamo pubblicato nei canale telegram (“cavalcare la volatilità” e “obiettivo resilienza”) le trimestrali delle azioni sottostanti i certificati inseriti in portafoglio, nonché abbiamo riportato i dati nel nostro Gruppo Facebook e sul nostro Canale Telegram. Se vuoi ricevere in tempo reale gli aggiornamenti sulle trimestrali delle prossime settimane puoi iscriverti gratuitamente al servizio segnali (“cavalcare la volatilità” e “obiettivo resilienza”) o al nostro gruppo Facebook o al nostro Canale Telegram. Di seguito i dettagli delle principali trimestrali della settimana.

Trimestrale Tesla 

  • Ricavi: 21,45 miliardi di dollari contro 22,088 miliardi attesi (dati Bloomberg)
  • EPS adjusted: 1,05 dollari su 1,01 stimati (dati Bloomberg)
  • I ricavi derivanti dalle sole auto sono stati pari a 18,69 miliardi di dollari (+55% a/a)
  • Il margine lordo è stato uguale al 2° trimestre, al 27,9%
  • L’unità energetica ha registrato ricavi per 1,12 miliardi di dollari
  • I regulatory credits sono stati pari a 286 milioni di dollari
  • Nel report, la società ha evidenziato che nelle ultime settimane del trimestre si è assistito ad una strozzatura nelle capacità di trasporto per la consegna delle nuove auto, che ora sta passando ad un ritmo più regolare.
  • Tesla ha comunicato che le vendite dell’autocarro Semi inizieranno a dicembre
  • Elon Musk ha sottolineato come la società ha un’elevata domanda per il 4° trimestre, con attese di vendita di tutte le auto prodotte per tutto il futuro che il CEO può vedere. 
  • L’AD del gruppo ha anticipato che il prossimo anno verrà effettuato un “significativo buyback” tra i 5 e i 10 miliardi di dollari. Oltre a questo, Musk si è detto fiducioso che Tesla potrebbe raggiungere la capitalizzazione di Apple e Saudi Aramco combinate (2.311 e 2.092 miliardi di dollari rispettivamente)
  • In merito a Twitter, Musk ha evidenziato come è un’attività “con un potenziale incredibile” e “con un potenziale a lungo termine superiore al suo valore attuale”.

Trimestrale Goldman Sachs

  • Ricavi: 11,98 miliardi di dollari contro stime a 11,432 miliardi (dati Bloomberg)
  • EPS: 8,25 dollari su 7,75 dollari previsti (dati Bloomberg)
  • Ricavi e utili per azione hanno segnato rispettivamente un -12% e -43% a/a
  • Il fatturato della divisione investment banking è sceso del 57% a 1,58 miliardi di dollari
  • La divisione fixed-income ha generato ricavi per 3,53 miliardi di dollari, il +41% a/a
  • La banca ha confermato la riorganizzazione e combinerà le divisioni investment banking e trading in un’unità e quelle di wealth e asset management in un’altra. La decisione è stata presa per spostare il focus dalle attività ad alto rischio a quelle che generano commissioni costanti. 
  • David Solomon, AD di Goldman Sachs, ha detto che l’economia USA potrebbe essere diretta in recessione, elemento che rende le decisioni di investimento e di business più difficili. 

Trimestrale American Express

  • Ricavi: 13,556 miliardi di dollari su 13,492 miliardi attesi (dati Bloomberg)
  • EPS adjusted: 2,47 dollari su 2,40 dollari stimati (dati Bloomberg)
  • La domanda di viaggi ha superato le attese dell’azienda, con le spese della categoria T&E che hanno registrato una crescita del 57% a/a. Oltre a questo, i volumi di spesa hanno superato quelli pre-pandemici
  • La società ha registrato 3,3 milioni di carte proprietarie
  • American Express ha detto di non notare al momento cambi nelle abitudini nei comportamenti di spesa dei clienti, anche se l’economia sta fornendo segnali misti. Il gruppo ha comunicato quindi di avere piani per “cambiare le carte in tavola” nel caso in cui l’ambiente operativo cambiasse radicalmente
  • Gli accantonamenti consolidati per le perdite su crediti sono stati di 778 milioni di dollari
  • Le spese consolidate sono state di 10,3 miliardi di dollari, il 19% in più su base annuale
  • Per l’intero anno, il gruppo si attende una crescita dei ricavi tra il 23% e il 25% e EPS tra i 9,25 e i 9,65 dollari

Trimestrale American Airlines

  • Ricavi: 13,46 miliardi di dollari su 13,416 miliardi attesi (dati Bloomberg)
  • EPS adjusted: 0,69 dollari su 0,60 dollari stimati (dati Bloomberg)
  • Il costo del carburante è quasi raddoppiato rispetto al 2021, attestandosi a 3,8 miliardi di dollari. Il costo del lavoro è invece cresciuto del 12% a 3,4 miliardi. 
  • American Airlines continua a puntare ad una riduzione di 15 miliardi di dollari di debito totale entro la fine del 2025
  • La liquidità disponibile a fine trimestre è stata di 14,3 miliardi di dollari, oltre il doppio di quella di fine 2019 
  • La società si attende una domanda solida fino alla fine della holiday season e per il 4° trimestre si attende un aumento dei ricavi totali oltre il 13% rispetto ai livelli del 2019, EPS adjusted tra 0,50 e 0,70 dollari e una capacità sotto il 2019 del 5%-7%.

Trimestrale United Airlines

  • Ricavi: 12,88 miliardi di dollari su stime a 12,719 miliardi (dati Bloomberg)
  • EPS adjusted: 2,81 dollari contro attese a 2,29 dollari (dati Bloomberg)
  • La società ha detto di attendersi che le tendenze osservate nel post-Covid proseguiranno e supereranno le pressioni recessive. Per il 4° trimestre, il gruppo si attende che il margine operativo adjusted sia superiore a quello del 2019. 
  • Per il 4° trimestre, il gruppo si attende EPS adjusted a 2,25 dollari, ben oltre gli 0,98 dollari attesi (dati Refinitiv).
  • La solida domanda dei viaggi estivi e le prospettive metereologiche favorevoli mostrano come i consumatori continueranno a spendere per i viaggi. 
  • Per la società sono tre le tendenze che stanno sostenendo la domanda: il recupero ancora in corso post-Covid, l’aumento dei lavori ibridi che consentono più viaggi e le sfide esterne sull’approvvigionamento che limiteranno l’offerta del settore per i prossimi anni. 

Trimestrale Las Vegas Sands

  • Ricavi: 1,005 miliardi di dollari su previsioni a 997,27 milioni (dati Bloomberg)
  • EPS adjusted: -0,27 dollari su attese a -0,24 dollaro (dati Bloomberg)
  • La società ha evidenziato come le restrizioni dei viaggi continuano a pesare sui risultati, anche se è positivo evidenziare i progressi nella ripresa di Singapore, con Marina Bay Sands che ha registrato un EBITDA rettificato di 343 milioni di dollari
  • Robert G. Goldstein, Presidente e AD del gruppo, ha sottolineato di essere positivo in merito al fatto che la spesa per viaggi e turismo nei mercati di competenza si riprenderà, con la domanda dei visitatori che rimane robusta.

Trimestrale Lockheed Martin

  • Ricavi: 16,583 miliardi di dollari su previsioni a 16,659 miliardi (dati Bloomberg)
  • EPS adjusted: 6,87 dollari su 6,72 dollari attesi (dati Bloomberg)
  • La società ha comunicato un programma di buyback da 14 miliardi di dollari
  • Lockheed ha aumentato il dividendo a 3 dollari ad azione
  • L’azienda ha confermato l’outlook del 2022 che prevede vendite nette di 65,25 miliardi di dollari, utili per azione a 21,55 dollari e un free cash flow superiore ai 6 miliardi di dollari.

Trimestrale PPG

  • Ricavi: 4,468 miliardi di dollari su 4,480 miliardi attesi (dati Bloomberg)
  • EPS adjusted: 1,66 dollari in linea con le stime (dati Bloomberg)
  • La società ha registrato ricavi record soprattutto grazie all’aumento del 12% a/a dei prezzi di vendita
  • I volumi di vendita sono stati influenzati negativamente da un indebolimento della domanda in Europa e da una ripresa cinese inferiore alle aspettative
  • La domanda sul settore dei rivestimenti aerospaziali e di quello per i produttori di componenti originali automotive hanno registrato tassi di crescita a due cifre. A fine trimestre, il portafoglio ordini dei rivestimenti sul comparto auto e aerospaziale è più ampio di quello tradizionale, a 200 milioni di dollari. 
  • La società prevede che il comparto fai da te continui ad indebolirsi a livello globale. Inoltre, le attese sono per una dimostrazione di resistenza del portafoglio ordini nei prossimi trimestri, specie grazie ai rivestimenti OEM del settore auto e aerospaziale. Nel 4° trimestre e nel 2023, è stimato un miglioramento dei margini operativi su base annua per via delle azioni volte a gestire i costi e compensare l’inflazione.
  • Il gruppo ha comunicato che è in corso un programma di ristrutturazione dei costi che potrebbe portare a risparmi annui per 70 milioni di dollari quando verrà completato. 
  • Per il 4° trimestre, il gruppo si attende volumi di vendita aggregati in diminuzione a una cifra percentuale a/a, spese tra i 55 e i 90 milioni di dollari, costi per interessi netti tra i 35 e i 40 milioni di dollari ed EPS adjusted tra 1,05 e 1,20 dollari. 

Trimestrale Akzo Nobel

  • Ricavi: 2,862 miliardi di euro su attese a 2,763 miliardi (dati Bloomberg)
  • EPS: 0,48 euro su 0,80 euro stimati (dati Bloomberg)
  • La società ha evidenziato che nel trimestre i prezzi sono aumentati del 13%, compensando l’aumento delle materie prime e dei costi variabili. 
  • I volumi sono scesi del 5%, riflettendo la minore domanda in Cina e dal destoccaggio nei canali di distribuzione delle pitture decorative e dei rivestimenti ad alte prestazioni in Europa.
  • Thierry Vanlancker, AD del gruppo, ha detto che le incertezze macroeconomiche hanno avuto un impatto negativo sulla fiducia dei consumatori. Oltre a questo, il manager si attende che le turbolenze economiche continueranno anche nel 2023
  • Nel suo outlook, Akzo Nobel ha evidenziato di aver sospeso il target di un EBITDA adjusted di 2 miliardi di euro nel 2023 e fornirà nuovi target a fine 2022. Il calo dei costi delle materie prime dovrebbe avere un impatto favorevole sui margini nel corso dell’anno prossimo. La società ha anche introdotto programmi di gestione dei margini e riduzione dei costi “per mitigare le attuali sfide”

Trimestrale CSX

  • Ricavi: 3,90 miliardi di dollari su 3,747 miliardi attesi (dati Bloomberg)
  • EPS adjusted: 0,52 dollari su 0,49 dollari stimati (dati Bloomberg)
  • L’aumento dei ricavi è stato guidato dai ricarichi sul carburante, un incremento dei volumi del 2%, un aumento dei prezzi e una crescita del fatturato da stoccaggio e altri ricavi
  • I risultati del trimestre includono 42 milioni di dollari per l’adeguamento specifico di aggiustamento dei salari, bonus e altri benefici nei periodi precedenti
  • Joe Hinrichs, Presidente e Amministratore Delegato dell’azienda, ha dichiarato che CSX ha un “grande potenziale di crescita nel lungo periodo”.

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati