fbpx

Ferrari e il settore “auto di lusso”

Ferrari e il settore “auto di lusso”

Secondo un report di J.D. Power, sempre più americani stanno comprando auto di lusso. In particolare, la quota di nuovi veicoli venduta da marchi rinomati (come BMW, Mercedes-Benz o Tesla) è cresciuta stabilmente negli anni precedenti, fino ad arrivare ad una quota del 17,3% di tutte le nuove auto vendute a giugno 2022 negli Stati Uniti.

Interessante riportare quanto detto da Alain Favey, Responsabile Vendite di Bentley, al Wall Street Journal. Per il manager, negli ultimi anni è aumentato il pool di clienti, con buona parte di questi che hanno una giovane età e hanno accumulato denaro lavorando nel comparto tech e dell’intrattenimento. Come evidenziato in un precedente articolo pubblicato su Investing, le attese del “The Wealth Report” di Knight Frank mostrano come gli individui con un reddito netto superiore ai 30 milioni di dollari cresceranno fino a 783.671, oltre il doppio rispetto al 2016. Il mercato delle auto di lusso segue dinamiche differenti rispetto a quelle delle auto tradizionali, tendendo a resistere nei periodi di recessione.

Se guardiamo a casa nostra, dal 2005 i ricavi di Ferrari sono scesi solamente nel 2009, 2013 e 2020. In tutti e tre i casi, la diminuzione del fatturato è stata contenuta. Nel 2022, Bloomberg stima che il dato possa crescere ulteriormente a 4,9 miliardi di euro, mentre nel 2023 si potrebbero raggiungere i 5,46 miliardi di euro. Nel più lungo periodo, Tickr prevede che i ricavi possano arrivare ai 5,92 miliardi di euro nel 2024, a 6,33 miliardi di euro nel 2025 e a 6,82 miliardi di euro nel 2026, con un CAGR 2016-2026 dell’8,2%.

Interessante guardare infine ad uno studio di McKinsey, dove si evidenzia come:

  • I veicoli dagli 80mila ai 149mila dollari avranno un CAGR 2021-2031 dell’8%;
  • I veicoli dai 150mila ai 299mila dollari avranno un CAGR 2021-2031 del 10%;
  • I veicoli dai 300mila ai 500mila dollari avranno un CAGR 2021-2031 del 9%;
  • I veicoli oltre i 500mila dollari avranno un CAGR 2021-2031 del 14%.

Due interessanti Certificati di investimento sulle auto di lusso

Con worst-of Ferrari, uno dei più interessanti certificati quotati è il XS2377616185. Si tratta di un Memory Cash Collect su Ferrari, Mercedes Benz e Porsche di Barclays. Paga un premio mensile dell’1.12% al mese (13.44% p.a.). La barriera premio e capitale è posta al 60%, la barriera autocall al 95%. L’autocall è possibile da novembre di quest’anno. Al momento tutti i sottostanti sono ampiamente sopra la pari (il worst-of è Ferrari a +10.37%). Ai valori attuali, il certificato va in autocall a inizio novembre rimborsando 102.24 euro. Si acquista a 100.32 euro. Offre quindi un rendimento residuo dell’1.91% in circa un mese e mezzo (15.28% annualizzato).

Fonte immagine: CedLab PRO.

Il Certificato è stato acquistato in due occasioni nel portafoglio “Cavalcare la volatilità” a 100.60 e 100.01 con un PMC (Prezzo di acquisto medio al netto dei premi ricevuti) di 99.185. Se vuoi seguire i segnali GRATUITI del portafoglio “Cavalcare la volatilità” clicca qui!

Per chi ha una propensione al rischio più elevata potrebbe essere interessante il XS2409671117 con worst-of Tesla. Si tratta di un Fixed Cash Collect su Tesla e NIO di Barclays. Paga un premio mensile incondizionato del 2% al mese (24% p.a.). La barriera di protezione del capitale è posta al 50%, la barriera autocall è leggermente discendente, dal 100% al 92%. L’autocall è possibile da novembre di quest’anno. Al momento entrambi i sottostanti sono sopra la pari (il worst-of è Tesla a +1.37%). Ai valori attuali, il certificato va in autocall a inizio novembre rimborsando 104 euro. Si acquista a 100.27 euro. Offre quindi un rendimento residuo del 3.72% in circa un mese e mezzo (29.76% annualizzato).

Fonte immagine: CedLab PRO.

Il Certificato è stato acquistato in due occasioni nel portafoglio “Cavalcare la volatilità” a 97.28 e 99.80 con un PMC (Prezzo di acquisto medio al netto dei premi ricevuti) di 96.54. Se vuoi seguire i segnali GRATUITI del portafoglio “Cavalcare la volatilità” clicca qui!

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati