fbpx

Gennaio: un mese storicamente positivo per le Borse

Gennaio: un mese storicamente positivo per le Borse

Dicembre si è chiuso all’insegna delle vendite per gli indici di Borsa USA, andando contro la statistica già vista per il mese.

Ma quali sono le attese per gennaio? Abbiamo svolto il consueto studio sui dati Bloomberg di S&P 500, Dow Jones e NASDAQ 100, con i dati che partono dal 1931 per i primi due listini e dal 1986 per l’indice tech. Dalle rilevazioni emerge come il primo mese dell’anno risulta tendenzialmente positivo. In particolare, l’S&P 500 ha registrato una chiusura positiva nel 60,87% dei casi, con una variazione media del +4,16% in caso di mese positivo e del -3,78% con gennaio negativo. La media è del +1,05%.

     

Nel 61,96% dei casi il Dow Jones ha segnato un gennaio positivo, con un +3,67% medio con la chiusura sopra la pari e del -3,80% medio nei casi contrari. La variazione media è del +0,83%.

Il NASDAQ 100 ha segnato un gennaio positivo nel 67,57% delle volte, con una variazione media del 5,92%. Le volte in cui il primo mese dell’anno ha effettuato una chiusura sotto la pari invece, la performance è stata del -5,14%. La variazione media è stata del +2,33%.

Dopo aver visto le performance medie di gennaio degli indici USA, osserviamo quelle dei listini europei. Si può innanzitutto dire che i listini europei hanno una partenza dell’anno tendenzialmente non troppo polarizzata, anche se le chiusure positive rimangono in vantaggio. Entriamo subito nel dettaglio, ricordando che i dati del FTSE Mib partono dal 1998, quelli del DAX dal 1960 e quelli del CAC 40 dal 1988.

Dal 1998, il FTSE Mib ha chiuso un gennaio positivo nel 56% dei casi, con una variazione media del 5,21%. Con una chiusura negativa la performance media è stata del -5,25%.

Il DAX si differenzia dagli altri due listini, in quanto tende maggiormente a registrare un mese positivo. Dal 1960, il principale listino tedesco ha chiuso un gennaio sopra la pari nel 61,90% dei casi. La variazione media in caso di chiusura positiva è stata del +4,57%, mentre è stata del -4,14% negli altri casi. La performance media in generale è stata del +1,25%.

Arriviamo infine al CAC 40, che dal 1988 ha chiuso il primo mese dell’anno in positivo nel 54,29% delle volte. La variazione percentuale media nei casi di chiusura sopra la pari à stata del +4,75%, mentre è stata del -5,12% negli altri. La performance media, in generale, è stata del +0,24%.

Vi aggiorneremo con le statistiche del prossimo mese per capire cosa aspettarsi anche a Febbraio. Per non perderti questa tipologia di articoli puoi iscriverti gratuitamente alla nostra Newsletter.

Obbligazioni, azioni o materie prime: quale sarà l’investimento vincente del 2023?

Nell’ultimo webinar della serie “Investire con Francesca Fossatelli” abbiamo analizzato:

  • I flussi degli investitori istituzionali
  • L’outlook del 2023 di Morgan Stanley
  • Il settore del risparmio gestito secondo Bank of America
  • Il settore Healthcare secondo Goldman Sachs
  • Che cosa comprare all’ultimo rialzo della FED
  • Dove stanno investendo i gestori patrimoniali e quale pensano sia l’asset class vincente nel 2023
  • Le sorprese che potrebbe riservarci il mercato il prossimo anno
  • Le ultime operazioni del portafoglio “Obiettivo Resilienza” e “Cavalcare la volatilità”.

Rivivi il webinar sul nostro canale YouTube! Il prossimo webinar si terrà il 12 gennaio alle ore 11. Per iscriverti al prossimo appuntamento, seguire il webinar in diretta live e ricevere il materiale clicca qui: Iscriviti Subito!

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati