fbpx

I settori del mercato azionario e la volatilità

I settori del mercato azionario e la volatilità

Quali settori sono più volatili? Posso utilizzare questa informazione nella mia operatività in certificati? 

Leggendo una discussione sul gruppo facebook ho pensato di aggiungere qualche informazione riguardo i vari settori. Inizio con una precisazione tra i termini settoriale e tematico. Un settore del mercato azionario è un gruppo di azioni che hanno molto in comune tra loro, di solito perché appartengono a settori simili. Secondo il sistema di classificazione più comunemente utilizzato, il Global Industry Classification Standard (GICS), esistono undici diversi settori del mercato azionario.

Ogni azienda fa parte di un solo settore mentre per i tematici un’azione come Tesla potrebbe far parte di: AI, batterie, Future mobility, Solar power etc… Possiamo pensare ai tematici come dei sotto-settori o a degli indici che incrociano settori diversi e potremmo anche ipotizzare che nel futuro alcuni temi (per esempio l’energia pulita) sostituiranno il settore attualmente in essere.

Gli undici settori del mercato azionario GICS sono:

  • Energia
  • Materiali / risorse di base
  • Industriali
  • Servizi di Pubblica Utilità 
  • Assistenza sanitaria
  • Finanziari
  • Beni discrezione del consumatore / voluttuari
  • Beni di consumo di base / prima necessità
  • Tecnologia
  • Servizi di comunicazione
  • Immobiliare

I settori possono esser organizzati in macro settori, i Difensivi sono quelli che si comportano meglio nelle fasi più deboli del ciclo economico (Health Care, Food, Telecommunications, Utilities..) e Ciclici da preferire nella parte di crescita del ciclo economico (Industrials, Basic resources, Chemicals, Constructions, Auto, Travel). Ampia letteratura è presente sul tema della rotazione settoriale e dei settori da preferire nelle diverse fasi del ciclo economico.

La volatilità dei vari settori

Sotto abbiamo una tabella di SPDR, un’emittente che ha nella sua offerta ETF per i singoli settori sia a livello mondiale, sia solo USA che solo Europa. Come possiamo vedere i titoli difensivi sono meno volatili (Sanità, Pubblica Utilità) e hanno un Beta contenuto rispetto all’indice mondiale. 

Differenze tra singolo titolo e Indice/Fondo/ETF

Quando passiamo dal settore al singolo titolo non sempre la volatilità è simile. Avevamo visto la differenza tra ETF e singolo sottostante nel caso del “new food”, guardando al grafico sui rendimenti settimanali a confronto del Rize Sustainable Future of Food e di Beyond Meat avevamo visto che Beyond Meat aveva escursioni settimanali che potevano arrivare al 20%.

Perché questo? In parte è merito di come la volatilità totale si riduce quando i componenti sono non perfettamente correlati. (Per approfondire la varianza di un portafoglio rimando a questo articolo). In parte perché alcune aziende possono avere, per motivi diversi, un comportamento dissimile da quello del settore. Per esempio, guardiamo come Petrobras soffra la brutta performance del mercato brasiliano che la rende più volatile di alcuni altri titoli petroliferi e all’ETF del comparto.

Condividi su

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati