fbpx

Il Certificato della Settimana di Alessandro Pavan

Il Certificato della Settimana di Alessandro Pavan

L’inizio della scorsa settimana aveva portato sui listini una ventata di correzione, seppur lieve, che aveva portato i listini giù di qualche punto percentuale dai massimi. Poteva essere l’inizio di un movimento più ampio, dopo mesi ininterrotti di salita ma così non è stato. 

Da qualche giorno i mercati hanno dimostrato ancora una volta tutta la loro forza attuale e si sono riportati sui massimi storici o a ridosso degli stessi.

Nemmeno l’annuncio su una proposta di innalzamento della tassazione sulle rendite finanziare paventata dall’amministrazione Biden in chiusura di settimana è servita a invertire la tendenza. Dopo uno storno di circa l’1% in seguito alla diffusione della notizia, anche questa discesa è stata riassorbita.

Teniamo monitorato l’andamento degli indici, senza esposizioni troppo aggressive, rischiando di perdere qualche punto di rendimento e privilegiando dall’altro lato la protezione.

In quest’ottica si muove anche la scelta del certificato della settimana che a fronte però di un rendimento interessante, offre una buona protezione dovuta ai sottostanti e alla barriera profonda.

Il prodotto infatti è un memory cash collect di Leonteq su tre sottostanti italiani: Eni, Stellantis, Unicredit. Ovviamente, nessuno dei tre ha bisogno di presentazioni, per cui ci soffermiamo esclusivamente sui livelli di strike e barriere. 

Il certificato è stato emesso a metà di questo mese e tutti e tre i titoli quotano leggermente sotto strike, il che ci permette di acquistare il prodotto a 985€. Il worst of ad oggi è Eni con un ribasso del 3,44%, quindi molto moderato.

Il flusso cedolare è pari al 3% a trimestre, per un rendimento del 12% annuo. La prima finestra di autocall è prevista a gennaio 2022, e questo permette di incassare almeno tre cedole prima dell’eventuale richiamo anticipato. In caso di autocall a gennaio con il recupero dei pochi punti percentuali che separano i titoli dagli strike, il rendimento sarebbe pari al 10,66% in nove mesi per un 14,21% annualizzato.

La barriera cedola e la barriera capitale coincidono e sono pari al 65% del valore iniziale. Ciò significa che il nostro flusso cedolare e il nostro capitale sono garantiti fino ad una perdita del 35% di uno dei tre sottostanti.

In virtù di questo, va però considerato che, mentre Stellantis è al di sopra dei livelli pre covid, gli altri due titoli quotano abbondantemente al di sotto: Eni infatti viaggiava in modo stabile sopra ai 14€ prima della crisi petrolifera di inizio 2020 mentre Unicredit quota a sconto di circa il 20%.

Considerando la combinazione di questi fattori, il certificato permette di ottenere un’adeguata remunerazione pesata sul rischio in quanto ritengo personalmente difficile vedere questi tre titoli perdere il 35% nei prossimi mesi ed ottenere un flusso cedolare del 12% è un notevole premio per questa tipologia di esposizione.

https://certificati.leonteq.com/isin/CH1107632361

Condividi su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati