fbpx

Il Portafoglio in Certificati di Alessandro Pavan – 03.09.2021

Il Portafoglio in Certificati di Alessandro Pavan – 03.09.2021

Dopo lo scampato pericolo del simposio di Jackson Hole, al quale i mercati hanno reagito con copiosi rialzi sulla scia di un tapering certo ma non così importante, almeno nell’immediato, e il mancato accenno ad un possibile rialzo dei tassi, lo scenario torna quello di sempre. Ovvero gli indici azionari impostati al rialzo con diversi nuovi record storici. Questa settimana tocca anche al Dax, che sfonda per la prima volta nella sua storia i 16.000 punti, con il Nasdaq arrivato a 15.694 e con l’S&P500 a 4.544. Impostato al rialzo anche il nostro FTSE MIB che dopo una fisiologica correzione, torna a puntare ai massimi di periodo per superare quei 26.700 che ad inizio agosto hanno innescato il cambio di rotta.

In questo contesto monodirezionale, anche il VIX si dirige verso i minimi di periodo e torna sotto quota 16, cosa accaduta solo un paio di volte nel 2021.

Il rendimento del mio portafoglio sale anch’esso, in linea con l’euforia che contraddistingue i listini, e si porta al 11,37%. Ad impattare sulla performance complessiva va registrato il progresso nel corso della settimana del 3,73% da parte dell’athena su Palantir, con il titolo in costante risalita che può finalmente puntare ai 30$ e, oltre quelli, allo strike del prodotto che garantirebbe il rimborso maggiorato di un copioso coupon che aumenta del 7,5% a trimestre. Risalita importante anche da parte del DE000VP5SXK7 con worst of Alibaba, che dai minimi registrati in area 75€ torna a quotare oggi 83,80€, grazie al rimbalzo del titolo che si allontana dalla barriera. A controbilanciare invece c’è la discesa del certificato con worst of Lufthansa che per la prima volta scende sotto i 90€, precisamente a 88,50€, valore però mitigato dall’incasso di due cedole per un totale di 6,50€. Nelle prossime settimane terrò monitorata la situazione per valutare un’eventuale liquidazione, anche se la barriera a 7,3938 (60% dello strike) lascia ancora un buon margine di tranquillità.

Si conferma invece l’antico adagio “vendi, guadagna e pentiti” in merito al certificato liquidato la settimana scorsa con Leonardo che ha riportato diverse sedute consecutive in positivo e ha riportato la quotazione sopra ai 7€, allontanarsi dalla barriera a 6,84€ con il prezzo del certificato che dai 898€ del prezzo di vendita quota ora 915€. Non che questo punto e mezzo percentuale impatti in modo importante sul rendimento, quanto sulle prospettive del certificato che con il titolo sopra la soglia dei 7€ probabilmente avrei mantenuto in portafoglio.

Come periodicamente accade, vado a fare un recap dei prodotti in portafoglio per i quali i prezzi sono ancora interessanti per l’acquisto:

  • DE000UE7HQM0 (Leonardo/Ferrari/STM): solo Leonardo sotto strike di circa il 5% e worst of del certificato che si acquista a 947€; flusso cedolare del 10,20% anno e barriera al 65%;
  • DE000VQ73DU6 (Macy’s/McDonald’s/Starbucks): tutti i sottostanti sopra strike con McDonald’s wo a +3%; flusso cedolare del 12,44% annuo e si acquista sotto la pari a 99,50%;
  • DE000VQ811M1 (Biogen/BioNTech): Biogen wo a -4% e BioNTech sopra strike; si acquista sulla pari con un buon flusso cedolare pari al 11,40% annuo e barriere al 60%;
  • DE000VQ82H09 (Daimler/Stellantis/Volkswagen): Daimler wo a -7% con gli altri sottostanti vicino a strike; si acquista sotto la pari a 99€, barriere profonde al 60%; ideale per tutti i tipi di portafogli con osservazione autocall da gennaio;
  • DE000VQ811N9 (McDonald’s/Beyond Meat): con Beyond in ritardo di circa il 20% dallo strike il certificato di acquista sotto la pari a 94,20€. La barriera sotto i 100$ e in particolare a 91,488$ lascia un ampio margine di tranquillità.

Condividi su

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati