fbpx

Il Portafoglio in Certificati di Alessandro Pavan – 27.01.2020

Il Portafoglio in Certificati di Alessandro Pavan – 27.01.2020

Vale la pena creare un portafoglio in investment certificate da inserire all’interno dell’asset allocation o è più profittevole investire direttamente nelle azioni sottostanti? 
In una situazione di bull market, con un mercato unidirezionale è sicuramente conveniente acquistare le single stock. Il rendimento di un certificato infatti, è sempre predeterminato. Se acquisto un certificato in emissione, il massimo rendimento che potrò avere sarà pari al flusso cedolare previsto dallo strumento, se invece lo compro sul secondario, a tale valore dovrò aggiungere o sottrarre la quota di capital gain in funzione dell’acquisto sopra o sotto la pari. Acquistano l’azione invece potrò avere un rendimento potenzialmente infinito. Lo sa bene chi ha acquistato titoli come Tesla, NIO o anche, molto meno platealmente Apple o Amazon, ad inizio 2020. 
Il vero valore aggiunto dei certificati emerge in modo particolare in mercati laterali o discendenti. Se storicamente l’indice MSCI World rende mediamente l’8%, un certificato con un flusso cedolare di questa entità, mi garantirà mediamente lo stesso rendimento, ma con una protezione dal 25 al 50% in caso di ribassi. Senza contare che sarà solo quello il livello da considerare per la protezione del capitale. Quindi in caso di mercato laterale ribassista, andrei a registrare una perdita sulle azioni, mentre riesco ad ottenere un profitto optando per i certificati. Con l’effetto memoria sulle cedole si va poi ulteriormente a limitare il rischio in caso di profonda discesa di uno o più sottostanti, in quanto basterà rimanga sopra alla barriera a scadenza per ottenere il rimborso capitale e l’intero flusso cedolare maturato.
Questo è il motivo per cui inizierò a creare un portafoglio in certificati, inserendo di settimana in settimana gli strumenti che ritengo più interessanti ed andando eventualmente a liquidare le posizioni su quelli che hanno già raggiunto il loro target. Il portafoglio sarà composto da certificati di tipo Phoenix, ovvero che prevedono l’erogazione periodica di cedole, e certificati tracker che investono in megatrend ben selezionati. Il rendimento generato sarà costituito dalla somma tra le cedole staccate e l’eventuale capital gain su certificati acquistati sotto la pari.

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati