fbpx

La correlazione lineare nell’investimento in certificati

La correlazione lineare nell’investimento in certificati

L’investitore in certificati sente spesso parlare di correlazione e in questo articolo voglio chiarire alcuni concetti riguardo al termine statistico (e non al generico termine correlazione, sinonimo di corrispondenza, legame) e spiegare alcuni grafici che a volte accompagnano gli articoli.

Come abbiamo visto anche in un recente Webinar, ad un investitore in certificati interessa la correlazione:

  • tra i sottostanti di uno stesso prodotto, poiché la presenza di sottostanti debolmente correlati (o addirittura negativamente correlati) permette la costruzione di prodotti che offrono maggior rendimento;
  • tra i sottostanti dei diversi certificati in portafoglio, poiché lo scopo di un portafoglio è proprio quello di diversificare il rischio. L’andamento dei prezzi è uno dei rischi, un altro è quello di credito che può essere ridotto diversificando per emittente.

I dati a nostra disposizione sono i prezzi, ma certe relazioni tra variabili (azioni, indici, ETF) vengono meglio comprese passando ai rendimenti. Vediamo per esempio il primo grafico, con 2 asset che si muovono in maniera estremamente simile, ma la cui correlazione lineare è pari a 0.12. Come qualcuno ha individuato, la seconda serie non è altro che la prima serie spostata di t periodi. Il fatto che le due serie abbiano un trend comune le fa vedere come correlate e solo se passiamo ai rendimenti, ovvero togliamo il trend dalle due serie, possiamo fare un’analisi della loro correlazione.

Il coefficiente di correlazione lineare indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Per quanto riguarda il tipo di relazione tra il movimento delle due variabili essa può essere lineare o non lineare.

La relazione è di tipo lineare se quando è rappresentata su assi cartesiani, si avvicina alla forma di una retta. Dai valori della varianza e della covarianza delle variabili si ottiene il coefficiente di correlazione lineare che è standardizzato e può assumere valori che vanno da –1.00 (correlazione perfetta negativa) e +1.00 (correlazione perfetta positiva). Una correlazione uguale a 0 indica che tra le due variabili non vi è alcuna relazione lineare… ma può essere di tipo diverso.

Vediamo un esempio tratto da una matrice di correlazione in cui abbiamo valori positivi o negativi riscontrabili visivamente da una inclinazione positiva o negativa della nuvola di punti. Più questa nuvola di punti ha una forma allungata e sottile maggiore sarà il valore in termini assoluti della correlazione.

Il valore della correlazione è costante? Se analizziamo un sottogruppo di dati (una finestra) e poi muoviamo la finestra nel tempo possiamo vedere come cambi il coefficiente di correlazione, si parla in questo caso di rolling correlation (a finestra mobile). Generalmente si utilizzano dati mensili, ma a volte non si hanno a disposizione serie storiche lunghe o si vuole un grafico maggiormente reattivo. La scelta di rendimenti giornalieri rende il grafico molto reattivo, ma i rendimenti giornalieri potrebbero non essere molto significativi, soprattutto se si confrontano asset quotati su mercati con orari diversi. La scelta della lunghezza della finestra mobile incide sui risultati, con poche osservazioni abbiamo un grafico molto erratico mentre con periodi più lunghi un grafico meno sensibile ai cambiamenti recenti. Nell’ultima immagine vediamo la differenza tra la correlazione (dati mensili) a 12 e 48 mesi di due indici con correlazione media di 0.88.

Per formule e rapporti tra covarianza, correlazione e beta rimando agli articoli sulla correlazione e il beta sul mio blog.

Condividi su

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati