fbpx

La settimana finanziaria in pochi minuti

La settimana finanziaria in pochi minuti

Come tutte le settimane, riassumiamo in pochi minuti di lettura le principali notizie finanziarie della settimana. Se vuoi ricevere gli aggiornamenti sulle ultime news finanziarie puoi iscriverti gratuitamente alla nostra Newsletter o al nostro Canale Telegram!

News di politica monetaria: BCE

  • Joachim Nagel, Presidente della Bundesbank, ha detto che sono necessarie altre misure per frenare le aspettative sui prezzi futuri e riportare l’inflazione verso il target del 2%. Nagel ha anche evidenziato che sarebbe sbagliato agire con troppa esitazione per paura che l’aumento dei tassi danneggi la crescita economica.
  • Martins Kazaks, Presidente della Banca centrale lettone, ha detto di prevedere un aumento dei tassi significativo da parte della BCE a febbraio e marzo.
  • Francois Villeroy de Galhau, Presidente della Banca centrale francese, ha detto che la BCE dovrebbe completare il suo percorso di aumento dei tassi entro l’estate, per poi mantenerli per un periodo potenzialmente prolungato. Il Governatore ha anche ribadito che l’obiettivo dell’istituto europeo è quello di riportare l’inflazione verso il target del 2% entro fine 2024 o 2025.

News di politica monetaria: Fed

  • Nei verbali dell’ultima riunione della Federal Reserve, i componenti del board hanno ribadito la priorità della lotta all’inflazione, evidenziando come un allentamento non giustificato delle condizioni finanziarie danneggerebbe i loro sforzi per ottenere la stabilità dei prezzi. Dai documenti è anche messo in luce come i funzionari sono intenzionati a riportare l’inflazione verso il target anche se ciò dovesse provocare una crescita della disoccupazione e un rallentamento della crescita. Per tentare di mitigare questo rischio, è stato segnalato come l’entità degli incrementi debba rallentare. Interessante evidenziare che nessun esponente dell’istituto ha previsto tagli al costo del denaro durante quest’anno e 17 dei 19 funzionari hanno previsto tassi pari o superiori al 5,1% nel 2023. Sempre su quest’ultimo elemento, viene ripetuto che i funzionari decideranno “riunione per riunione”. Per vedere una minore aggressività, sono necessarie più prove. Viene anche riconosciuto come siano stati compiuti “progressi significativi” nel corso del 2022. Dalle minutes viene anche riportato come gran parte dei partecipanti alla riunione ha “sottolineato la necessità di mantenere la flessibilità e l’opzionalità nel passaggio a una politica più restrittiva”.
  • James Bullard, Presidente della Fed di St. Louis, ha detto che i tassi si stanno avvicinando ad un livello sufficientemente alto per far scendere l’inflazione. Inoltre, Bullard ha detto di aspettarsi che l’indice dei prezzi al consumo scenda verso un livello più basso nel 2023, man mano che “l’economia si normalizza”.
  • Esther George, Presidente della Fed di Kansas City, ha detto di vedere i tassi oltre il 5% entro il 2024.
  • Il Governatore della Fed di Atlanta, Raphael Bostic, ha dichiarato che l’inflazione è ancora troppo alta ed è il maggiore ostacolo per gli Stati Uniti.

Altre news finanziarie ed economiche

  • Il Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale, Kristalina Georgieva, ha avvertito che l’economia globale dovrà affrontare un anno più difficile di quello che ci siamo appena lasciati alle spalle. Georgieva ha anche detto che gli USA potranno evitare la recessione, la Cina dovrà sfidare un periodo sfidante e l’Europa sarà in recessione. Per le economie emergenti invece, il quadro è più negativo.
  • In Eurozona, l’inflazione di dicembre (flash) è scesa al 9,2%, sotto le previsioni degli analisti al 9,5%. Il dato core, che esclude i prezzi di energia e cibo, è salito ad un nuovo massimo al 5,2%.
  • A dicembre, i Non-Farm Payrolls USA si sono attestati a 223mila unità, oltre le attese Bloomberg a 203mila unità. Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,5% (stime al 3,7%), mentre il salario orario medio è salito del 4,6% a/a (previsioni al 5%). Per i NFP si tratta del nono mese consecutivo in cui la misurazione batte il consensus, anche se è la lettura più debole da dicembre 2020. Questo potrebbe in qualche modo segnalare che il mercato del lavoro a stelle e strisce stia iniziando a rallentare. A livello settoriale, il tempo libero e l’ospitalità hanno aggiunto più posti di lavoro (67.000), seguiti dall’assistenza sanitaria (55.000), dall’edilizia (28.000) e dall’assistenza sociale (20.000). Il 2022 si è chiuso comunque in maniera molto positiva per il lavoro in America, dove sono stati aggiunti 4,5 milioni di posti di lavoro: si tratta della seconda rilevazione più alta dal 1940. Il report di oggi potrebbe aver iniziato a mostrare gli effetti del rialzo dei tassi di interesse della Fed, i cui funzionari ritengono che un ribasso dell’inflazione debba comportare perdita di posti di lavoro e una disoccupazione più elevata.

Obbligazioni, azioni o materie prime: quale sarà l’investimento vincente del 2023?

Nell’ultimo webinar della serie “Investire con Francesca Fossatelli” abbiamo analizzato:

  • I flussi degli investitori istituzionali
  • L’outlook del 2023 di Morgan Stanley
  • Il settore del risparmio gestito secondo Bank of America
  • Il settore Healthcare secondo Goldman Sachs
  • Che cosa comprare all’ultimo rialzo della FED
  • Dove stanno investendo i gestori patrimoniali e quale pensano sia l’asset class vincente nel 2023
  • Le sorprese che potrebbe riservarci il mercato il prossimo anno
  • Le ultime operazioni del portafoglio “Obiettivo Resilienza” e “Cavalcare la volatilità”.

Rivivi il webinar sul nostro canale YouTube! Il prossimo webinar si terrà il 12 gennaio alle ore 11. Per iscriverti al prossimo appuntamento, seguire il webinar in diretta live e ricevere il materiale clicca qui: Iscriviti Subito!

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati