Le trimestrali della settimana: Beyond Meat, Palantir, UPS, Generali Assicurazioni e altre

Le trimestrali della settimana: Beyond Meat, Palantir, UPS, Generali Assicurazioni e altre

La stagione delle trimestrali si avvicina al termine. Delle 459 società dell’S&P 500 che hanno pubblicato i risultati del 2° trimestre 2023 e di cui Refinitiv fornisce le stime, il 79% ha fatto meglio del consensus sugli utili, il 63% lo ha fatto per i ricavi. Guardando all’Europa e allo STOXX 600, delle 238 aziende che hanno pubblicato i conti (di cui Refinitiv fornisce le previsioni), il 55% ha oltrepassato le stime sugli EPS e il 53% sul fatturato. Vediamo tutte le principali trimestrali che hanno attirato la nostra attenzione nel corso della scorsa settimana, che abbiamo pubblicato in tempo reale sul Canale Telegram GRATUITO FreeFinance PRO e che riportiamo di seguito:

 

Trimestrale BEYOND MEAT

  • Ricavi: 102,15 milioni di dollari, stime a 108,40 milioni (dati Refinitiv)
  • EPS: -0,83 dollari contro previsioni a -0,86 dollari (dati Refinitiv)
  • EBITDA: -40,83 milioni di dollari, attese a -41,97 milioni (dati Refinitiv)
  • Il margine lordo è stato pari al 2,2% dei ricavi netti. Su questo dato hanno impattato positivamente i minori costi dei materiali, la riduzione delle scorte e delle spese logistiche
  • La flessione dei ricavi netti del 30,5% a/a è dovuta prevalentemente alla flessione del 23,9% dei volumi di vendita e dell’8,6% del fatturato netto per libbra
  • I ricavi del canale retail USA sono scesi del 38,5% a/a, mentre quelli del foodservice hanno segnato un -45,4%
  • Per l’intero 2023 l’azienda si aspetta ricavi tra 360 e 380 milioni di dollari (-14%/-9% a/a), il margine lordo dovrebbe attestarsi a una cifra alta, le spese operative sono viste al di sotto dei 245 milioni di dollari, mentre il Capex tra i 20 e i 25 milioni di dollari

 

Trimestrale PALANTIR

  • Ricavi: 533,32 milioni di dollari, stime a 532,71 milioni (dati Refinitiv)
  • EPS: 0,05 dollari, in linea con le attese (dati Refinitiv)
  • EBITDA: 143,43 milioni di dollari, stime a 131,02 milioni (dati Refinitiv)
  • I ricavi del business commercial sono cresciuti del 10% a/a, a 232 milioni di dollari
  • I ricavi del business Government si sono attestati a 302 milioni di dollari (+15% a/a)
  • I clienti sono cresciuti del 38% a/a
  • Per il 3° trimestre 2023 il gruppo si aspetta ricavi tra 553 e 557 milioni di dollari con un reddito adjusted dalle operazioni tra 135 e 139 milioni
  • Per l’intero 2023, le stime sono per ricavi di oltre 2,212 miliardi e reddito adjusted dalle operazioni sopra 576 milioni
  • Il CdA ha approvato un piano di buyback da 1 miliardo di dollari

 

Trimestrale BARRICK GOLD

  • Ricavi: 2,833 miliardi di dollari, stime a 2,931 miliardi (dati Refinitiv)
  • EPS: 0,19 dollari contro 0,17 dollari attesi (dati Refinitiv)
  • EBITDA: 1,368 miliardi di dollari, previsioni a 1,294 miliardi (dati Refinitiv)
  • La società ha comunicato di essere sulla strada per raggiungere i target di produzione di oro e rame per il 2023
  • L’AD Mark Bristow ha affermato che il miglioramento delle performance del complesso Carlin in Nevada, della miniera d’oro di Kibali nella Repubblica Democratica del Congo e della miniera di rame di Lumwana in Zambia ha gettato le basi per una maggiore produzione della seconda metà del 2023 rispetto alla prima
  • La produzione di oro nel 2° trimestre è aumentata del 6% su base sequenziale, mentre quella di rame è cresciuta del 22%. Il prezzo realizzato per l’oro è di 1.972 dollari l’oncia, mentre per il rame di 2,84 dollari a libbra
  • Il dividendo è stato mantenuto a 0,10 dollari per azione

 

Trimestrale BAYER

  • Ricavi: 11,044 miliardi di euro, previsioni a 11,807 miliardi (dati Refinitiv)
  • EPS: 1,22 euro, stime a 1,26 euro (dati Refinitiv)
  • EBITDA: 2,527 miliardi di euro, attese a 2,619 miliardi (dati Refinitiv)
  • Sui ricavi è pesato il calo delle vendite del business Crop Science per via della contrazione dei volumi e dei prezzi dei prodotti a bare di glifosato.
  • Per l’intero anno il gruppo prevede un fatturato tra 48,5 e 49,5 miliardi di euro (sotto il precedente range 51-52 miliardi di euro). L’EBITDA prima degli elementi speciali dovrebbe trovarsi tra 11,3 e 11,8 miliardi di euro (stime precedenti 12,5-13 miliardi di euro). Gli EPS sono invece visti tra 6,2 e 6,4 euro (stime precedenti 7,2-7,4 euro)

 

Trimestrale UPS

  • Ricavi: 22,055 miliardi di dollari contro previsioni a 23,102 miliardi (dati Refinitiv)
  • EPS: 2,54 dollari, stime a 2,50 (dati Refinitiv)
  • EBIT: 2,919 miliardi di dollari, attese a 2,848 miliardi (dati Refinitiv)
  • Per il 2023, la società si attende un fatturato di circa 93 miliardi di dollari e un margine operativo adjusted dell’11,8%: i dati sono in flessione rispetto ai 97 miliardi e al 12,8% previsti in precedenza. Le spese in conto capitale sono viste a 5,3 miliardi di dollari, quelle per il pagamento dei dividendi a 5,4 miliardi di dollari e quelle per i buyback a 3 miliardi.
  • La guidance sul fatturato è appesantita dalle attese di un calo di volumi derivanti da un nuovo contratto di lavoro

Trimestrale GENERALI ASSICURAZIONI

  • Premi lordi sottoscritti: 20,074 miliardi di euro su 21,046 miliardi attesi (dati Refinitiv)
  • Solvency Ratio: 228%, in crescita rispetto al 221% di fine 2022
  • Nel primo semestre 2023, i premi lordi del segmento Vita sono stati di 25,888 miliardi di euro (-0,3% a/a), mentre il risultato operativo è sceso del 3,5%, a 1,813 miliardi
  • Nel 1° semestre 2023, i premi lordi del segmento Danni sono cresciuti del 10,6% a/a, a 16,349 miliardi di euro, con un risultato operativo in aumento dell’85,7% a 1,853 miliardi
  • Nel 1° semestre 2023, il segmento Asset & Wealth Management ha generato un risultato operativo di 498 milioni di euro (+1,3% a/a)
  • Per la seconda metà del 2023, la società si aspetta una possibile incertezza nel settore assicurativo per via di un rallentamento economico. Il gruppo conferma l’obiettivo di un CAGR degli EPS tra il 6% e l’8% tra il 2021 e il 2024, una generazione di flussi di cassa netti disponibili superiori a 8,5 miliardi di euro per il 2022-2024 e una distribuzione di dividendi tra 5,2 e 5,6 miliardi di euro nel periodo 2022-2024
  • Cristiano Borean, CFO dell’azienda, ha detto che la tassa sugli extraprofitti dovrebbe avere un impatto di 20 milioni di euro su Banca Generali, di cui 10 milioni attribuibili a Generali Assicurazioni
  • Philippe Donnet, CEO di Generali Assicurazioni, ha detto che ogni eccesso di capitale non utilizzato per l’M&A alla fine del business plan verrà girato agli azionisti. Al momento rimangono 200 milioni di euro e di 300 milioni di euro da Liberty Seguros

Trimestrale ALLIANZ

  • Volume totale di business: 39,6 miliardi di euro, il 5,9% in più a/a
  • EPS: 5,95 euro, stime a 5,65 euro (dati Refinitiv)
  • EBIT: 3,783 miliardi di euro, previsioni a 3,617 miliardi (dati Refinitiv)
  • Solvency II ratio: 208%, oltre il 206% del 1° trimestre
  • La società ha definito “eccellente” la crescita del business “Property-Casualty”, grazie ai forti aumenti delle tariffe e alle azioni per compensare l’inflazione
  • La società ha confermato il target di profitto operativo sul 2023 a 14,2 miliardi di euro (+/- 1 miliardo)

Trimestrale MUNICH RE

  • Premi lordi sottoscritti: 16,799 miliardi di euro, attese a 16,588 miliardi (dati Refinitiv)
  • EPS: 8,45 euro contro attese a 9,29 euro (dati Refinitiv)
  • Il Solvency Ratio si è attestato al 273%
  • Christoph Jurecka,CFO del gruppo, ha detto che le recenti inondazioni in Slovenia e Austria potrebbero essere una fonte di forti perdite
  • Per l’intero anno, il gruppo ha confermato la guidance del report annuale del 2022. Le stime sono quindi per ricavi assicurativi da contratti emessi di 58 miliardi di euro e un risultato netto di 4 miliardi di euro

Trimestrale ALIBABA

  • Ricavi: 234,156 miliardi di yuan, stime a 224,917 miliardi (dati Refinitiv)
  • EPS: 17,37 yuan, stime a 14,52 yuan (dati Refinitiv)
  • EBITDA: 52,052 miliardi di yuan contro previsioni a 46,396 miliardi (dati Refinitiv)

 

Trimestrale HELLOFRESH

  • Ricavi: 1,918 miliardi di euro, stime a 1,961 miliardi (dati Refinitiv)
  • EPS: 0,38 euro contro previsioni a 0,54 euro (dati Refinitiv)
  • EBITDA adjusted: 192 milioni di euro, consensus a 175,67 milioni (dati Refinitiv)
  • Clienti attivi: 7,3 milioni, il -8,7% su base annuale
  • Numero di ordini: 30 milioni, il -7% a/a
  • Valore medio dell’ordine: 63,6 euro il +5,3% a/a
  • Per il 2023 la società si attende ricavi in crescita tra il 2% e l’8% (dal precedente 2% e 10%) e un EBITDA adjusted tra 470 e 540 milioni di euro (da 460-540 milioni)

Trimestrale CAPRI HOLDINGS

  • Ricavi: 1,229 miliardi di dollari, stime a 1,202 miliardi (dati Refinitiv)
  • Ricavi Versace: 259 milioni di dollari (-5,8% a/a)
  • Ricavi Jimmy Choo: 183 milioni di dollari (+6,4% a/a)
  • Ricavi Michael Kors: 787 milioni di dollari (-13,8% a/a)
  • EPS: 0,74 dollari contro previsioni a 0,71 dollari (dati Refinitiv)
  • EBIT: 111 milioni di dollari su stime a 104,05 milioni (dati Refinitiv)
  • Vista l’annuncio di acquisizione da parte di Tapestry, la società non ha comunicato nessuna guidance

Trimestrale VARTA

  • Ricavi: 174,82 milioni di euro, stime a 177,87 milioni (dati Refinitiv)
  • EPS: -1,70 euro, attese a -0,74 euro
  • La società ha pianificato di tagliare 800 posti di lavoro a livello globale tra il 2023 e il 2024
  • Per l’intero anno, Varta si aspetta ricavi intorno a 820 milioni di euro (in crescita rispetto agli 806,9 milioni del 2022) e un EBITDA adjusted tra 40 e 60 milioni di euro (da 163,9 milioni del 2022). Il deciso miglioramento nella seconda parte dell’anno dovrebbe essere spinto dal business dell’Energy Storage Systems e dai prodotti agli ioni di litio

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati