fbpx

L’inflazione a mo’ di SUPERCIUK

L’inflazione a mo’ di SUPERCIUK

La speculazione, operando in anticipo, crea spesso sfasature temporali tra quello che avviene nella realtà economica e nei mercati finanziari. Proprio per questo motivo non vi può essere una correlazione stabile tra andamento dei fatti economici e le quotazioni degli asset finanziari. La progressiva delega delle scelte operative sui mercati ad algoritmi conduce ad un ulteriore scollamento (almeno apparente) tra quanto viene percepito dagli osservatori dei dati macroeconomici e i prezzi dei valori mobiliari. 

I numeri pubblicati il 13 luglio dal dipartimento del lavoro americano dicono che l’inflazione è balzata al 5,4%, il livello più alto dal 2008. L’inflazione corre, ovvero, depurata dal costo delle componenti più volatili come energetici, alimentari e tabacchi, si è attestata al 4,5%, il livello più alto dal 1992. Un aumento dei prezzi imprevisto, anziché stimolare un rialzo dei rendimenti delle obbligazioni, si è tradotto in un ulteriore calo. Se si compara l’andamento tra l’inflazione con i rendimenti dei titoli di Stato a dieci anni si scopre che c’è una clamorosa asimmetria: l’attuale rendimento del bond decennale USA (+1,3%) è sceso ai valori di metà febbraio scorso quando l’inflazione annua, che era stata rilevata per il periodo gennaio 2020 – gennaio 2021, era stata dell’1,4%. 

È possibile supporre che il mercato possa essere stato condizionato dalle continue esternazioni da parte di Powell, che sostiene che l’inflazione sia transitoria, ma, di fronte ad un fatto così sorprendente, è facilmente ipotizzabile pensare che la FED si stia “giapponesizzando”, ovvero che stia manipolando la curva dei tassi di scadenza lunga per favorire le prossime emissioni di debito che verrebbero fatte a condizioni molto favorevoli a dispetto dell’inflazione importante.   

Vi è però una considerazione molto importante e che non deve sfuggire a nessuno: il controllo della curva dei rendimenti fu annunciato nel settembre 2016 dalla Banca centrale del Giappone, quando l’inflazione media dell’anno fu del -0,16%. Oggi l’inflazione attesa USA da qui ad un anno è del 4,8%, mentre l’inflazione oggettivamente rilevata è di ben oltre il 5%. 

Si stravolgono quindi i paradigmi tradizionali che vedevano nell’investimento dei risparmiatori sui titoli governativi una remunerazione capace almeno di mantenere il potere d’acquisto del proprio risparmio nel tempo. Invece oggi a causa dei micragnosi rendimenti nominali, i rendimenti reali sono diventati ampiamente negativi.

In questa situazione ultra-sperimentale di economia debitoria vengono quindi arbitrariamente modificati gli equilibri naturali dei mercati attraverso degli interventi che in maniera progressiva incidono sui valori delle obbligazioni, dove anche il debito “spazzatura” è arrivato a rendere meno dell’inflazione. 

Ci troviamo quindi in un mondo che gira solo a favore degli indebitati, e che indirizza gli investitori nell’unica alternativa disponibile: i mercati azionari.   

Chi riesce ad indebitarsi ai tassi attuali cavalca la migliore opportunità che viene offerta dall’attuale periodo: Stati sovrani, imprese ricche, o chiunque abbia le garanzie per poterlo fare, sfrutterà senz’altro la favorevole situazione, mentre gli investitori in azioni potranno continuare a sfruttare il momento correndo però i rischi del caso anche se appaiono dimenticati. 

Alla gente comune invece verrà imposta la tassa dei poveri, ovvero l’inflazione, che sta agendo a mo’ di Superciuk, il personaggio di Max Bunker che, odiando i poveri in quanto brutti e sporchi, li deruba per donare poi il maltolto ai ricchi.

Condividi su

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati