fbpx

Trimestrale di Netflix: Analisi Dettagliata

Trimestrale di Netflix: Analisi Dettagliata

Nel terzo trimestre del 2022 i ricavi, l’utile operativo e la crescita negli abbonamenti hanno superato le previsioni del management e degli analisti:

  • EPS: 3.10$ contro 2.12$ attesi (dati Bloomberg)
  • Ricavi: 7.93 billion $ contro 7.846 billion $ attesi (dati Bloomberg)
  • Numero di nuovi abbonati: 2.41 milioni contro 1.09 milioni attesi (dati StreetAccount)

Netflix si porta quindi ad una crescita anno su anno dei ricavi del 6% (escludendo l’impatto, sfavorevole, del rafforzamento del dollaro, si avrebbe una crescita dell’8%).

Contenuti di qualità

Il management riconosce che al centro della crescita ci sono proprio i contenuti, in particolare il lancio di alcune delle serie e dei film più visti di tutti i tempi, tra cui: Monster: La storia di Jeffrey Dahmer, Stranger Things S4, Lo straordinario avvocato Woo, The Gray Man e Purple Hearts. A sostegno di ciò Neflix mostra le statistiche di ricerca delle serie TV più popolari dell’ultimo trimestre e come avevamo individuato nell’articolo di ieri Dahmer è la serie più popolare, probabilmente anche grazie alla forte presenza sui social media.

Oltre alle serie TV, Netflix riconosce l’importanza anche della produzione di film in-house: “Nel 2016 siamo entrati nel settore dei film originali perché produrre i nostri film, con diversi budget e generi, presenta dei vantaggi rispetto alla migliore alternativa: acquistare licenze da altri studios solo nella prima finestra della pay TV. Questi vantaggi includono la disponibilità su Netflix nella prima finestra (i film a pagamento debuttano generalmente molto dopo l’uscita nelle sale), i diritti globali (i film a pagamento sono concessi in licenza per paese), la possibilità di portare i film su Netflix in perpetuo (in genere solo per 18-24 mesi per i film a pagamento) e la proprietà dei diritti d’autore, che ci consente di creare derivati come i sequel e di utilizzare la proprietà intellettuale (IP) in giochi e prodotti di consumo. Continuiamo a integrare i nostri film originali con film su licenza di terzi: questi rimangono una parte importante e apprezzata del nostro servizio, ma sono solo una componente della nostra più ampia strategia di programmazione.”

Netflix: previsioni per il Q4

Per il Q4 il management si aspetta ricavi per 7.8 billion $ (il che porterebbe la crescita, al netto dell’effetto del tasso di cambio al 9% anno su anno). Tale previsione tiene in considerazione la stagionalità (negativa per il Q4) e l’effetto negativo del tasso di cambio.

Il piano ad-supported a prezzo ridotto sarà lanciato in 12 Paesi a novembre, come già annunciato la scorsa settimana. In particolare: il 1 novembre in Canada e Messico; il 3 novembre in Australia, Brasile, Francia, Germania, Italia, Giappone, Corea, Regno Unito e Stati Uniti; il 10 novembre in Spagna. “Complessivamente, questi 12 mercati rappresentano circa 140 miliardi di dollari di spesa pubblicitaria per i marchi in TV e in streaming, ovvero oltre il 75% del mercato globale.” Come previsto anche nell’articolo di ieri, il management non si aspetta di avere un contributo significativo dei ricavi pubblicitari nel Q4.

Per quanto riguarda la condivisione degli account il management ha previsto di agire a partire dal 2023: “offriremo la possibilità a chi prende in prestito il proprio profilo Netflix di trasferirlo nel proprio account e a chi condivide l’account di gestire più facilmente i propri dispositivi e di creare sotto-account (“membro extra”), se vuole pagare per la famiglia o gli amici”.

Un contesto competitivo in cui Netflix ha un posizionamento strategico

A livello di analisi competitiva, Netflix ha un coinvolgimento più alto di qualsiasi altro streamer, con margine per un’ulteriore crescita:

  • nel Regno Unito, Netflix rappresenta l’8,2% delle visualizzazioni video, 2,3 volte Amazon e 2,7 volte Disney+1;
  • negli Stati Uniti, Netflix rappresenta il 7,6% del tempo televisivo, 2,6x Amazon e 1,4x Disney + Hulu + Hulu Live2.

“I nostri concorrenti stanno investendo molto per aumentare gli abbonati e il coinvolgimento, ma costruire una grande azienda di streaming di successo è difficile: stimiamo che siano tutti in perdita, con perdite operative combinate nel 2022 ben superiori a 10 miliardi di dollari, contro i 5-6 miliardi di dollari di profitto operativo annuale di Netflix”.

Analisi Finanziaria di Netflix

  • “La liquidità netta generata dalle attività operative nel 3° trimestre è stata di 557 milioni di dollari, contro gli 82 milioni di dollari del periodo precedente. Il FCF è stato pari a 472 milioni di dollari, rispetto ai -106 milioni di dollari del terzo trimestre del 2021. Continuiamo a prevedere un FCF di 1 miliardo di dollari per l’intero anno 2022 e una crescita sostanziale dell’FCF nel 2023 (nell’ipotesi che non si verifichi un ulteriore apprezzamento materiale del dollaro USA).”
  • “Il debito lordo alla fine del trimestre era di 14 miliardi di dollari, entro il nostro obiettivo di 10-15 miliardi di dollari. La liquidità è aumentata di 300 milioni di dollari su base sequenziale, raggiungendo i 6,1 miliardi di dollari. Il debito netto ammontava a 7,9 miliardi di dollari alla fine del terzo trimestre. Non abbiamo scadenze di debito nel 2023.” 
  • “All’inizio di ottobre abbiamo concluso l’acquisizione, annunciata in precedenza, dello studio di animazione leader Animal Logic. Abbiamo finanziato la transazione in contanti, che si rifletterà nel nostro rendiconto del flusso di cassa del quarto trimestre del 2022.”
  • “Il nostro approccio all’allocazione del capitale non è cambiato. La nostra priorità è continuare a investire in modo adeguato nella nostra attività a lungo termine, comprese nuove iniziative come i giochi e la pubblicità, seguite da acquisizioni selettive. Dopodiché, la liquidità in eccesso rispetto ai nostri livelli minimi (equivalenti a circa due mesi di ricavi) sarà restituita agli azionisti attraverso il riacquisto di azioni.

Fonti: Netflix Investor Relations, Bloomberg, StreetAccount

Condividi su

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Informazioni sull'autore

Articoli Correlati